Codice Amministrazione Digitale (CAD)

In breve

Dobbiamo iniziare a scrivere meno leggi e più software [meno codici e più codice] e, soprattutto, bisogna fare in modo che nelle leggi – generali e astratte per definizione – vengano scolpiti solo principi capaci di resistere al tempo e incapaci di imbrigliare innovazione e tecnologie del passato.

Le regole, quelle di dettaglio, vanno tradotte in bit, mentre le convenzioni per lo scambio dei dati tra amministrazioni in API, i procedimenti amministrativi nei quali l’attività discrezionale dell’amministrazione è assente o modesta, vanno trasformati in processi machine to machine più efficaci e più democratici.

Segui gli ultimi aggiornamenti del progetto su Twitter

Dal blog

Codice dell’Amministrazione Digitale: le promesse mantenute e quelle mancate

Cosa cambia con il decreto correttivo al CAD approvato dal Consiglio dei Ministri – 15/12/2017

Media

Per ogni richiesta di contatto da parte di media e giornalisti il punto di riferimento è l’ufficio stampa e comunicazione del Team per la Trasformazione digitale

Ultimo aggiornamento: 09/10/2017
Torna all'inizio del contenuto Torna all'inizio del contenuto