Valerio Paolini

Technical Project Manager

Valerio Paolini
      valeriopaolini
 @valeriopaolini

Ho 46 anni, vivo a Bologna, sono sposato e padre di una nativa digitale. La mia passione per la tecnologia dell’informazione è cominciata da giovanissimo e, dopo l’immancabile stagione del Commodore 64, è diventata seria quando, a quindici anni, posto di fronte all’alternativa tra un computer Apple e il motorino, non esitai a preferire il primo. Pagai qualche prezzo, ma credo sia stata una delle scelte migliori di sempre.

Ho speso buona parte della mia vita professionale a trovare e organizzare connessioni nel mondo della musica, realizzando piattaforme che hanno intrattenuto, ma anche informato, un pubblico vastissimo. Prima in Dada, poi in Musixmatch, di cui sono stato uno dei fondatori, ho condotto la mia squadra nella costruzione di sistemi scalabili per la gestione di informazioni, curandone ogni aspetto, dalla progettazione alla manutenzione. In particolare ho curato prima la realizzazione di un sistema di digital asset management per la musica, in grado di gestire i cataloghi delle etichette discografiche, e poi l’equivalente per le edizioni musicali, dove ho gestito le informazioni di copyright su scala mondiale.

Un’altra esperienza significativa è stata con SMS.it, pionieri del mobile Internet, dove ho progettato e realizzato il sistema di invio SMS da web, tutt’ora in funzione.

Sono membro del board of advisors di Epeerahtee Ltd, startup inglese impegnata nell’offrire telefonia internazionale a tariffe locali, dove fornisco la mia esperienza sulle tecnologie open source e sulle architetture dei sistemi per il mondo mobile.

Ho avuto l’opportunità di lavorare con persone provenienti da ogni parte del mondo, che mi ha permesso di apprezzare e valorizzare le differenze culturali e professionali.

Al tempo degli studi, che interruppi non senza rammarico per l’urgenza di entrare al più presto nel mondo del lavoro, ebbi la possibilità di assistere alla nascita di Internet come la conosciamo adesso. Ho contribuito a creare un gruppo di studenti che poi si e’ sviluppato in una delle prime generazione di DevOps. Gli anni dell’università, nel corso di laurea in Informatica, sono stati una palestra meravigliosa, ricca di occasioni di incontro e confronto con colleghi e amici, che hanno rafforzato la mia profonda curiosità per il trattamento delle informazioni, dandomi gli strumenti per la comprensione delle sue dinamiche e delle sue peculiarità.

Incuriosito dalla presentazione del progetto di Diego Piacentini e spinto dall’opportunità unica di rendere un servizio al nostro Paese, mi sono messo a disposizione di questa sfida moderna, ambiziosa e stimolante.

Adoro i film di Guerre Stellari e di James Bond: il mio personaggio preferito è sempre stato Q, il responsabile delle tecnologie interpretato storicamente da Desmond Llewellyn. Mi piacciono il jazz e la musica easy listening. Non seguo il calcio, ma le poche volte che i miei amici sono riusciti a portarmi allo stadio la loro squadra ha sempre vinto.

Data inizio: 9 gennaio 2017

Periodo previsto: fino al 16 settembre 2018

Compenso su base annua: € 80.000

Registrazione in Corte dei Conti: 3 maggio 2017

Da Twitter


Ultimo aggiornamento: 29/09/2017
Torna all'inizio del contenuto Torna all'inizio del contenuto