Francesco De Augustinis

Comunicazione e relazioni pubbliche istituzionali

Il mio percorso unisce la passione per il giornalismo e una vocazione naturale ai contenuti digitali. Questo sin dai tempi dell’Università: mentre studiavo giornalismo, lavoravo con un piccolo team di amici a una startup -un social network dedicato al mondo dell’arte- che avrebbe vinto il premio Ego Ericsson per l’innovazione, finendo in un programma di incubazione Topix.

Ho continuato a vivere con convinzione questo doppio binario anche successivamente: durante i due anni di internship all’Associated Press e all’ufficio di Roma della Reuters ho collaborato con TheBlogTV (oggi User Farm), startup specializzata nella produzione di contenuti video user generated. Un’esperienza che mi ha permesso di affinare le conoscenze sul mondo del digital content, sulla prima epoca dei contenuti virali, sulla gestione delle dinamiche di community e di piattaforme basate sul crowdsourcing.

Tutto questo fino al 2012, quando l’attività giornalistica si è consolidata con la realizzazione delle prime inchieste (in particolare grazie al premio Roberto Morrione per il giornalismo televisivo d’inchiesta), e quella legata ai contenuti digitali con l’ingresso nel Gruppo editoriale l’Espresso (oggi Gedi) attraverso il premio Mario Formenton. Da questo momento in poi ho iniziato un percorso da freelance, lavorando come giornalista pubblicista per le edizioni online di alcune testate nazionali (in particolare Corriere.it e Repubblica.it) e internazionali, e come digital content specialist per il ramo digitale di Gedi (Radio Deejay, M2O, TvZap, IlMioLibro, Iniziative Editoriali e altre).

Sono approdato al Team Digitale nel 2017 come freelance per la gestione dei contenuti nel progetto Designers Italia. Da inizio 2019 collaboro con l’ufficio comunicazione. Si tratta di una sfida che ho intrapreso con entusiasmo e senso civico, perché credo sia importante raccontare il lavoro svolto dal Team: uno “sviluppo consapevole del digitale” che può davvero essere un punto cardine per il nostro Paese, per rendere più efficienti i servizi e più facile la vita delle persone, ma anche per tutelarci e dotarci dei mezzi necessari per affrontare tante sfide della nostra epoca.

Quando non sono a Roma vivo a Spoleto, nella verde Umbria, insieme a mia moglie Francesca, la nostra bimba di due anni Annalou e il suo amico cane Balou. Qui gestiamo un piccolo ma vivace coworking e ci gustiamo il più possibile gli amici, la famiglia e la bellezza delle montagne e della natura intorno a noi.

Data inizio: 14 gennaio 2019

Periodo previsto: fino al 15 settembre 2019

Compenso su base annua: € 60.000

Registrazione in Corte dei Conti: Il decreto di nomina è in fase di registrazione presso la Corte dei Conti.


Ultimo aggiornamento: 27/03/2019
Torna all'inizio del contenutoTorna all'inizio del contenuto