Marta Colonna

Affari regolamentari nazionali ed europei e Responsabile della protezione dei dati (Rpd)

Ho deciso di studiare legge dopo aver passato la mia infanzia tra tribunali e procure, a giocare con finti fascicoli. Mi sono laureata in Giurisprudenza all’università di Firenze e alla Sorbonne di Parigi, specializzandomi in Diritto della proprietà intellettuale. Cominciando a lavorare in questo settore, ho iniziato ad occuparmi di questioni inerenti il Diritto dell’internet e delle nuove tecnologie, per poi fare un master di specializzazione al Queen Mary University di Londra in Information Technology law.

Dal 2011 mi occupo come avvocato di tutte le questioni legali legate al digitale e alle nuove tecnologie, collaborando con lo studio legale Hogan Lovells e assistendo i più grandi player del mercato online. La corsa, il pilates e lo yoga sono le mie armi di difesa contro i ritmi incalzanti della trasformazione digitale.

La privacy e il diritto della protezione dei dati personali hanno cominciato ad impadronirsi delle mie giornate, con un costante crescendo culminato nel maggio 2018 con l’entrata in vigore del nuovo regolamento europeo: la cosiddetta GDPR compliance è diventato il mio pane quotidiano!

Sempre più convinta che la privacy non si riduca ad una serie di noiosi e sterili adempimenti, ho preso parte a iniziative per la diffusione della cultura della privacy non solo nelle aziende, ma anche nelle scuole. Nella mia prima lezione di educazione digitale ai ragazzi di un liceo, ho spalancato la finestra e chiesto loro di gridare in piazza il loro ultimo post su Facebook. I ragazzi, piuttosto interdetti, mi hanno risposto: “Ma noi non usiamo Facebook, su Facebook ci stanno i nostri genitori”. Ok - ho pensato - esperimento fallito (in realtà il mio primo pensiero è stato che sto invecchiando…).

Sopravvissuta al fatidico maggio 2018, ho assistito il Team digitale in alcune questioni privacy. Colpita dalla loro missione e dall’entusiasmo e la professionalità con cui la affrontavano, ho cominciato a sentire sempre più forte la voglia di far parte di questa piccola rivoluzione in atto.

Ho incontrato Luca Attias poco dopo la sua nomina e deciso di intraprendere questa avventura per mettere al servizio del Team e del mio paese le competenze e l’esperienza acquisita in questi anni.

Saranno mesi intensi, resi possibili anche grazie al team di Hogan Lovells che in questi mesi dovrà fare a meno di me.

Mesi pieni di sfide interessanti, facce, meccanismi e ambienti nuovi, probabilmente molto diversi da quelli con i quali sono abituata ad interfacciarmi. Mesi di crescita personale e professionale, in cui spero di poter far aumentare, anche solo di qualche centimetro, la cultura della privacy nelle istituzioni del nostro Paese.

Data inizio: 20 dicembre 2018

Periodo previsto: fino al 15 settembre 2019

Compenso su base annua: € 75.000

Registrazione in Corte dei Conti: 18 gennaio 2019.


Ultimo aggiornamento: 31/07/2019
Torna all'inizio del contenutoTorna all'inizio del contenuto