Daniela Battisti

Relazioni Internazionali

Daniela Battisti

Ho una Laurea in Lettere Classiche (Università degli Studi di Urbino) e un Ph.D. in Classics (Rutgers). Sono nata professionalmente come filologa classica, uno di quegli strani individui che studiano papiri e manoscritti in Greco e Latino, con una specializzazione sui temi della retorica antica e della propaganda politica e ideologica nell’antichità e nell’antropologia culturale.

Durante gli anni trascorsi negli Stati Uniti per conseguire il Ph.D. ho sviluppato un forte interesse teorico e pratico per l’Information Technology. In quegli anni veniva, infatti, pubblicato su CD-ROM il primo data base di tutta la letteratura greca e latina: mi si è aperta una nuova frontiera e ho compreso come la conoscenza umanistica poteva essere migliorata e perfino democratizzata con la tecnologia. Ho quindi ampliato gli studi classici, combinandoli con quelli dei nuovi media. Volevo diventare un professore di Classics in un piccolo College of Liberal Arts, ma la vita mi ha riportato in Italia nel 1992. Nella prima fase della mia carriera lavorativa ho insegnato come Adjunct Professor presso le università americane a Roma (The American University in Rome, Trinity College, Loyola College) e al tempo stesso, ho contribuito a progetti di ricerca, tra cui lo sviluppo di un sistema automatico di traduzione (progetto congiunto Italia/Israele SOPIN/TOVNA) e di un motore di ricerca per i beni culturali.

Sono approdata per caso alla Presidenza del Consiglio - Forum per la Società dell’Informazione alla fine del 1999, inizio 2000. Ho proseguito la mia carriera nel pubblico prima presso il Centro Tecnico (poi confluito nel CNIPA), poi presso Innovazione Italia e infine in INVITALIA. Sono stata Coordinatore del Centro Studi di Lucio Stanca, Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie dal 2001 al 2006.

Mi sono sempre occupata di temi di policy relativi all’economia digitale (e-commerce, indicatori per la misurazione della società dell’informazione, contenuti digitali per l’education, Public Sector Information, evoluzione del diritto d’autore, partecipative web, codici di condotta per Internet e minori, ICT and Gender, ecc.) e delle strategie nazionali e regionali per l’innovazione.

Ho gestito numerosi progetti pubblici volti alla diffusione dell’Information Technology nell’ambito di diversi livelli dell’Amministrazione Pubblica centrale e locale, esperienza che mi ha insegnato a considerare gli aspetti pratici e organizzativi che grandi progetti di natura tecnologica richiedono per essere implementati. La strada dalle politiche alla pratica non è mai semplice.

Dal 2001 seguo i lavori dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) sull’economia digitale. Dal 2013 sono vice-Chair del Bureau direttivo del Committee on Digital Economy Policies; sono stata Chair del WPIE - Working Party on the Information Economy nel periodo 2005-2013.

Sono componente dell’Office of Distinguished Friends - London Business School.

Guardo alla realtà pensando spesso agli unknowns-unknowns, ed è per questo che non ho mai smesso di studiare e di sfidarmi in nuove situazioni di lavoro o di apprendimento.

Ho due figlie: Cecilia (Master in International Affairs – Columbia University 2016) che risiede e lavora a Washington DC e Marianna che studia Economia. Lorenzo, mio marito, una Laurea in Matematica e un Ph.D. in Economics (University of Pennsylvania), ha lavorato presso gli AT&T Bell Laboratories (Murray Hill, NJ); nel corso della nostra vita in comune, ho imparato a riscoprire la visione rinascimentale che esiste un unico approccio alla conoscenza e alla ricerca, indipendentemente dalle discipline.

Adoro leggere (in Inglese e in Italiano ma anche in Greco e Latino), sono una lettrice onnivora; il mio libro cult è “American Pastoral” di Philip Roth; il mio storico e politico preferito è Tucidide.

Non conoscevo Diego, se non per averlo incontrato e parlato con lui per 10 minuti al Digital Economy Forum a Venezia, nel maggio del 2012.

Ho mandato la mia candidatura per la Posizione di “Relazioni Internazionali” mossa dalla convinzione della necessità di un Team con questa visione. Sono entusiasta di poter contribuire a questa missione.

Data inizio: 10 marzo 2017

Periodo previsto: fino al 16 settembre 2018

Compenso su base annua: € 90.000

Registrazione in Corte dei Conti: 10 aprile 2017


Torna all'inizio del contenuto Torna all'inizio del contenuto